sabato 17 settembre 2011

Le cipolle del buon vicinato



La mia vicina di casa Giusy, riportandomi una teglia per crostate che le avevo prestato l'altra sera, salvandola in zona cesarini, mi ha fatto omaggio delle sue cipolle rosse. E' da poco rientrata da una vacanza a casa nelle sue terre d'origine, in Calabria. Mi ha precisato che le cipolle rosse, quelle "vere" e comunemente note per essere di Tropea, sarebbero in realtà di Ricadi.
Non so se questa notizia sia la verità o una faida tra campanili, come molto spesso capita in Italia; comunque sia... adoro la cipolla e questo dono non ha resistito a lungo nel frigorifero: é finito nel ripieno di una torta salata insegnatami da Chef Fill.


Cosa serve:

Due fogli di pasta sfoglia (io ho utilizzato quella già pronta)
6 cipolle rosse di Tropea... o di Ricadi
200 grammi di prosciutto cotto a dadini
200 grammi di provola affumicata a dadini
70 grammi di grana padano grattuggiato
un uovo
timo
olio evo, sale e pepe

Tagliare le cipolle e metterle a stufare nell'olio; una volta pronte, farle raffreddare (scolarle se presentassero troppo liquido), poi unirvi il prosciutto, i formaggi, del timo, l'uovo. Aggiustare di sale e pepe a piacere. Disporre nella teglia il primo di strato di sfoglia, poi l'impasto del ripieno, poi il secondo disco, chiudendo i bordi.
E' importante ricordarsi di predisporre un camino di fuoriuscita del vapore sul disco superiore di sfoglia. Si può fare con un forellino dentro il quale inserire un cono di carta forno.
Francamente non sono stata così paziente: ho praticato un bel foro grande con un coppapasta al centro della preparazione.
Si può decorare e spennellare con uovo, a piacimento. Io non lo faccio... seppur mi piaccia l'effetto laccato della sfoglia spennellata con l'uovo, non amo quel retrogusto di tuorlo. Così di norma metto un po' d'olio e semi di sesamo.
In forno caldo a 180°, cuoce in 40 minuti.


A onor del vero e dei miei natali, nonché per alimentare la faida tra campanili, va detto che anche in provincia di Pavia si mangia una cipolla dolcissima e molto buona: è quella rossa di Breme.

3 commenti:

  1. no i carboidrati no!! ...ma che buona: SLURP!

    RispondiElimina
  2. Eh, io aborro la cipolla, ma la presentazione è come sempre impeccabile! (E sicuramente anche la torta!)
    M.

    RispondiElimina
  3. Splendida!!!
    La mia versione è completamente diversa: pasta con vino e rosmarino all'esterno, solo cipolle o quasi all'interno.
    I miei paffutelli l'hanno definita "assolutamente perfetta". Come Mary Poppins...
    Ti riporto il link:
    http://www.paneperituoidenti.net/Pane_per_i_tuoi_denti/Il_mio_blog/Voci/2012/7/11_La_torta_salata_di_Tropea.html

    Ti mando un bacione e ritorno al trasferimento del mio blog
    paneperituoidenti.blogspot.com

    RispondiElimina